HOT NEWS:
Mercoledì, 20 Giugno 2018

Gennaio 1978

Viene fondata Radio Colombo sui 96,8 MHz grazie ad un giovane imprenditore conciario locale che si presta da editore.

Il nome della Radio è quello del suo secondo nome di battesimo: Colombo.

La sede dell’emittente è in Santo Stefano del Sole, presecelta per la quota s.l.m. più elevata in quanto le trasmissioni avvenivano direttamente dal luogo di programmazione senza adoperare ponti radio.

Leggi tutto: Gennaio 1978

Novembre 1980

A causa del terribile terremoto del 23-11-1980 le trasmissioni dell’emittente cessano per danni irreparabili alla sede.

L’editore, intanto, rinuncia a gestire la radio.

Leggi tutto: Novembre 1980

Febbraio 1982

La nuova sede è quella di Tavernola San Felice (frazione di Aiello del Sabato) in un vecchio stabile anche piuttosto precario.

Del resto i recenti eventi sismici non hanno lasciato molta scelta e la ricostruzione è ancora sul nascere.

L'organizzazione dell'emittente viene rifondata in una cooperativa costituita da diversi giovani. Nasce Radio Colombo Cooperativa a r.l.

Leggi tutto: Febbraio 1982

Aprile 1984

Radio Colombo è nella sua fase più brillante.

Ottimi il segnale e la qualità audio, pregevole la programmazione, ampi gli ascolti ed importanti i riscontri pubblicitari tanto da suscitare sconcerto da parte di editori di altre emittenti locali che avevano investito risorse economiche ben più consistenti.

Leggi tutto: Aprile 1984

Agosto 1988

L’Avellinese e la valle del Sabato stanno ormai stretti alle aspettative dei dirigenti che puntano all’ascolto interprovinciale.

Viene impiantato, sempre con sacrifici personali dei collaboratori, il primo ripetitore dell'emittente su Montevergine.

Leggi tutto: Agosto 1988

Settembre 1994

L’aggressione sul territorio dei network nazionali, l’intasamento delle frequenze, il mancato ricambio generazionale –dovuto soprattutto al disinteresse delle potenziali nuove leve- aggiunti alle ingenti spese che si dovevano sostenere per gestire un’emittente di tale calibro ai sensi della nuova normativa introdotta dalla L. 223/90, fece sì che nel giro di pochi mesi si decidesse per la cessione societaria dei beni della radio.

Ciò non avvenne indifferentemente, ma alla luce di una promessa della nuova amministrazione –purtroppo rivelatasi vana-  di rifondare l’iniziativa.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network. Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per maggiori informazioni sui cookies utilizzati e come eliminarli, guarda qui privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive